HV Pavilion

GARDINI GIBERTINI ARCHITETTI

Immersa nel verde delle dolci colline toscane, sulle quali sembra quasi galleggiare, questa casa si presenta alla vista come una sorta di oasi nella vastità del paesaggio che la ospita. Traendo ispirazione dalla natura circostante, lo Studio Gardini Gibertini Architetti ha progettato questa rilettura in chiave moderna della “casa a patio” di reminiscenza romano-italica, arricchendola di interni dall’atmosfera accogliente e contemporanea.

Fotografie di Ezio Manciucca

353.a-Gardini-Gibertini-HV-Pavilion-photographed-by-Ezio-Manciucca03.jpg

Un omaggio alla tradizione costruttiva locale

Immersa tra gli uliveti, la casa occupa un posto del tutto naturale nello scenario che la circonda. I materiali utilizzati, sui quali si fonda l’intero design dell’abitazione, provengono dall’ambiente circostante o fanno, comunque, riferimento ad esso.

Gardini Gibertini Architetti: “HVP è un’architettura tipicamente mediterranea, che affronta il tema della residenza nei suoi principi tipologici e costruttivi più arcaici. Il rigore della geometria compatta e coesa nelle proporzioni omaggia la tradizione costruttiva contadina locale del “muro a secco”, e il legno dei tamponamenti è un rimando agli elementi di chiusura dei tradizionali edifici rurali amiatini – denominati “seccatoi” per castagne – fondendo l’edifico nel paesaggio e legandolo profondamente alla sua storia.”

Consegnato al paesaggio

Gardini Gibertini Architetti: “Sollevato dal suolo, l’edificio si configura come un padiglione consegnato al paesaggio in maniera teatrale: è un “proscenio”, un meccanismo spaziale atto ad ammirare la natura circostante rivendicando la propria appartenenza al luogo e alla sua storia secolare.”

HV Pavilion, progettazione architettonica: Studio Gardini Gibertini Architetti; fotografie: Ezio Manciucca; realizzazione porte: Infissi Rossetti srl
Sistema di cerniere pivot System M+ di FritsJurgens
353.a-Gardini-Gibertini-HV-Pavilion-photographed-by-Ezio-Manciucca23.jpg

Un cambiamento nella percezione degli spazi

La casa è suddivisa in otto scatole strutturali, collocate geometricamente su una piattaforma di cemento armato e collegate perlopiù tra loro da porte a bilico, tutte dotate di cerniere pivot System M+ di FritsJurgens. Tutte le porte sono accomunate dallo stesso design: altezza 290 cm, larghezza 95 cm, tutte provviste delle stesse maniglie.

Gardini Gibertini Architetti: “Per gli interni della casa abbiamo immaginato un movimento estremamente fluido nel quale le divisioni tra i diversi spazi non apparissero come semplici varchi o passaggi nel senso più letterale del termine.

Abbiamo immaginato le porte a bilico come vere e proprie pareti mobili in grado di cambiare, con il loro movimento, la percezione degli spazi.“

L’influenza che una porta a bilico esercita sullo spazio che la ospita può essere enorme. L’esperienza che la porta regala a chi vive l’ambiente dipende da movimento, materiali e dimensioni. Scoprite come diverse tipologie di porte a bilico possano influenzare l’ambiente circostante.

Applicazioni

Prodotti tradizionali

Le maniglie sono identiche per tutte le porte a bilico della casa. Si è trattato, anche in questo caso, di una scelta ben ponderata a livello di materiali e facilità d’uso.

Gardini Gibertini Architetti: “A guidarci nella scelta di queste lunghe cinture di cuoio, oltre che la loro estrema funzionalità e la loro particolare gradevolezza al tatto, è stata la volontà di utilizzare ovunque materiali naturali in linea con la tradizionale produzione locale.”

353.a-Gardini-Gibertini-HV-Pavilion-photographed-by-Ezio-Manciucca11.jpg

Nessun vincolo durante la fase di costruzione

Sono svariate le ragioni che hanno fatto propendere i designer per l’installazione delle cerniere pivot System M+ di FritsJurgens sulle porte a bilico di questa abitazione.

Gardini Gibertini Architetti: “Da un lato, c’è l’estrema facilità di installazione del sistema, che ci consente di lavorare con porte a bilico di grandi dimensioni senza avere a che fare, durante la fase di costruzione, con i vincoli imposti dall’installazione di ingombranti meccanismi su pavimenti e telai, anche perché spesso lavoriamo con il calcestruzzo rinforzato.”

“Dall’altro c’è, invece, l’estrema affidabilità del sistema, che funziona alla perfezione offrendo funzioni di grande utilità come, per esempio, la possibilità di bloccare l’anta in posizione di fermo a 90°.”

Scoprite di più sulle cerniere System M+, le cerniere pivot idrauliche di FritsJurgens concepite per regalare alla vostra porta un movimento perfetto.

System M+

Costruire nella storia

A dispetto dell’apparenza compatta che la caratterizza esternamente, negli interni la casa appare, invece, estremamente movimentata ed articolata spostandosi da un ambiente all’altro. Solo i tendaggi si frappongono visivamente tra gli interni chiari ed inondati di luce dell’abitazione e le ampie viste sul paesaggio toscano, creando una sottile transizione tra di essi.

I luoghi in cui sorge e la loro storia secolare si fondono armoniosamente a formare, figurativamente e letteralmente, le colonne portanti del design architettonico di questa abitazione. Tutto, fin nel minimo dettaglio, è concepito per sottolineare il forte legame tra la casa ed il paesaggio circostante che la costruzione si propone di arricchire con le sue sofisticate e ben ponderate linee architettoniche.

Grazie per esserti iscritto.